Centralità delle esperienze reali e delle loro rappresentazioni nello sviluppo della personalità e nella determinazione del disagio psichico con un nuovo profondo orientamento della clinica verso l’esperienza reale e le vicende che hanno connotato la storia dei pazienti secondo la tradizione clinica che si richiama a Ferenczi.

Caratteristiche della psicopatologia e innovazioni rispetto alla nosografia tradizionale. Con l’introduzione del sé come istanza sovraordinata, la psicopatologia, con le sue diverse manifestazioni affettive e comportamentali, è ricondotta in misura crescente all’angoscia di frammentazione. “L’essenza dell’angoscia di disintegrazione è l’anticipazione del crollo del sé, non la paura della pulsione” (Kohut, 1980). L’integrazione della teoria dell’attaccamento nel modello teorico-clinico ha permesso di costruire una classificazione degli stili relazionali che integra la visione dei disturbi narcisistici propria della psicologia del sé.

Funzione dei processi di difesa. La lettura dell’angoscia come angoscia di frammentazione getta una luce interamente nuova sull’insieme dei meccanismi di difesa, la cui funzione non è più quella di difendere l’Io da pulsioni incontenibili, ma di salvaguardare una coesione del sé sufficiente alla sopravvivenza psichica del soggetto.